Tartarughe di terra

Tartaruga di terra mediterranea, Testudo hermanni.

Le tartarughe di terra sono rettili che possono essere ottimi animali domestici, soprattutto se si cerca un animale che non abbia particolari esigenze, sia calmo e pacifico. Le tartarughe terrestri sono principalmente erbivore, si nutrono di frutta e verdura, anche se alcune specie possono essere onnivore e nutrirsi anche occasionalmente di insetti e larve.

Questi animali sono conosciuti per la loro docilità, con un collo più lungo e largo di quello delle tartarughe marine, che possono ritirare all’interno del carapace per proteggersi dagli attacchi dei predatori. Hanno quattro zampe ed una coda, le cui dimensioni e spessore variano a seconda del sesso e della specie.

Il carapace, il grande guscio in cui vivono, è un componente indispensabile per la vita di questi animali. La sua spina dorsale è in gran parte attaccata ad esso e se il carapace di una tartaruga si danneggia, può causare anche problemi respiratori. Questo lo rende un elemento molto importante.

In alcuni periodi questi animali mutano parte della pelle e del guscio, per rimuovere la pelle più vecchia e rinforzarsi. Le tartarughe di terra hanno un metabolismo legato alla temperatura ambientale, perciò quando arriva l’inverno e le temperature sono troppo basse, questi animali vanno in letargo. Se vivono in un ambiente domestico dove i cambiamenti di temperatura sono più limitati, possono non andare in letargo ma solo limitare la propria attività e le funzionalità vitali.

Una tartaruga di terra o tartaruga terrestre in libertà.

Le tartarughe vivono per molti anni, le specie più comuni infatti arrivano in media a 60 anni. Uno di questi rettili domestici, in buona salute, può stare con noi per la maggior parte della nostra vita.

Diverse specie di tartarughe di terra

Esistono molte specie di tartarughe terrestri, tra queste alcune delle più conosciute sono la tartaruga mediterranea, la tartaruga russa, la tartaruga stellata, la sulcata, eccetera. Sfortunatamente, per le tartarughe non è facile sopravvivere in libertà a causa dell’impatto che l’uomo produce sugli ecosistemi naturali. La capacità di adattarsi ai cambiamenti nell’ambiente in cui vivono non è come quella di altri animali o piante, questo ha portato all’estinzione di molte specie di tartarughe.

Per ridurre questo problema, l’acquisto e la vendita di molte tartarughe di terra è regolamentato per alcune specie e completamente proibito per altre. In molti posti è proibito tenerle in cattività, per questo chi vuole una tartaruga terrestre come animale domestico dovrà procurarsela nel modo più legale possibile, tramite un negozio che possiede esemplari certificati e con tutte le autorizzazioni delle autorità che si occupano degli animali.

Tartaruga Mediterranea

La Tartaruga Mediterranea, come è facile intuire dal suo nome, vive principalmente nei paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Si tratta di un animale protetto, ma gli animali nati in cattività si possono adottare senza problemi. La femmina, lunga mediamente circa 18cm, è leggermente più grande del maschio che in media è di circa 16cm.

Tartaruga di terra mediterranea, Testudo hermanni.

Queste tartarughe sono animali molto longevi se curati correttamente, possono essere nostri compagni per tutta la vita e anche di più. Esistono alcuni esemplari infatti che superano i 100 anni di età. Hanno abitudini prettamente diurne e durante l’autunno iniziano il processo che culminerà con il letargo. La tartaruga mediterranea può avere diverse sottospecie, a seconda della zona in cui vive possono cambiare le dimensioni, il peso ed il disegno del suo carapace.

Di solito queste tartarughe sono abbastanza attive e giocose, amano nascondersi ed arrampicarsi: se le hai in cattività, fai in modo che non possano cadere a terra da una grande altezza perché potrebbero morire. Se la teniamo all’aperto, dovrebbe avere abbastanza spazio per muoversi e divertirsi, circa 10mq per esemplare. In casa sarebbe ideale poter procurare diversi microclimi con temperature diverse, come un posto alla luce diretta del sole ed un altro più fresco all’ombra dove potersi anche nascondere.

Tartaruga Russa

La Tartaruga Russa è una delle più conosciute fra questo genere di animali, nota anche come tartaruga dell’Asia centrale, il suo nome scientifico è Testudo horsfieldii in riferimento al suo scopritore Thomas Horsfield. Sono esemplari di grande longevità, in grado di vivere più di cinquant’anni, con un carattere che le rende molto piacevoli come animali domestici.

Tartaruga di terra Russa, Testudo horsfieldii.

È un po’ più grande della Mediterranea (le femmine arrivano a 22-25cm, i maschi a 18-20cm), con un carapace più arrotondato, ma quello che distingue chiaramente la tartaruga russa tra i suoi simili sono le quattro unghie delle zampe, anziché cinque come altre specie. Gli esemplari di questa specie riconoscono le persone che le nutrono, quando vedono il proprietario si precipitano verso di lui e questo comportamento le rende particolarmente amate.

Dimensioni, peso e disegni del guscio protettivo possono variare molto da un luogo all’altro. La tartaruga russa non sopporta bene il caldo, infatti quando la temperatura supera i 28-30 gradi va qualche centimetro sotto terra per rinfrescarsi. Quando vive nel suo habitat naturale, questa specie di testuggine compie un letargo molto più lungo e si rintana fino 2-3 metri di profondità, soprattutto a causa del clima rigido.

Tartaruga Stellata

La Tartaruga Stellata è originaria dell’India, il suo nome scientifico è Geochelone elegans ed è una delle razze che risaltano maggiormente. Quello che la differenzia è in particolare il suo carapace a cupola diviso in diversi scudi, ogni scudo sollevato al centro quasi a forma piramidale. Sono di colore nero con macchie gialle nella parte più alta degli scudi, con delle linee alle estremità che producono dei disegni a forma di stella, da cui deriva il suo nome.

Tartaruga stellata, Geochelone elegans.

Possono raggiungere i 30 centrimentri di dimensione e 7Kg di peso, perciò si può tranquillamente tenere come animale domestico anche senza avere spazi esageratamente grandi. Le femmine di solito sono più grandi dei maschi. In cattività non è semplice prendersi cura di loro, tendono a soffrire facilmente di alcune malattie ed al minimo stress smettono di mangiare.

È una tartaruga erbivora, anche in cattività dovrà essere nutrita a base di erbe e verdure selvatiche come la cicoria, il trifoglio, l’erba medica, l’indivia, lattuga, scarola, ecc. Meglio evitare ortaggi come il cetriolo e il pomodoro. Se puoi tenerla in un recinto all’aperto, in giardino, è ideale piantare una grande varietà di piante e verdure in modo che possa alimentarsi da sola in base alle sue necessità.

Tartaruga Sulcata

La Tartaruga Sulcata è originaria del nord Africa, al momento sopravvive solo nei Parchi nazionali del continente africano perché la sua esistenza è minacciata dall’avanzata della civiltà, dall’agricoltura e dalla caccia per la sua carne pregiata.

Tartaruga di terra sulcata, Geochelone sulcata.

È la terza più grande tra le tartarughe di terra, con un carapace che può raggiungere gli 80 centrimetri ed i 100Kg di peso. Il dimorfismo sessuale in questa specie fa sì che il maschio sia pìù grande della femmina. Questa tartaruga non va in letargo, poiché solitamente vive in climi aridi.

La tartaruga sulcata selvatica è protetta dagli accordi della “Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione”, per questo motivo se si vuole adottare un esemplare è consigliabile rivolgersi ad un negozio autorevole che fornisca tutta la documentazione in ordine, che dimostri chiaramente che proviene da un allevamento.

Tartarughe di terra in casa

In generale i rettili hanno bisogno di un’attrezzatura di base per ricreare un habitat favorevole in cui crescere e svilupparsi in buona salute. Le tartarughe terrestri si possono muovere per la casa per fare esercizio fisico, ma bisognerebbe comunque avere un terrario dedicato, all’interno o all’esterno della casa, con tutte le comodità per vivere al meglio.

Prima di acquistare una tartaruga di terra, devi tener presente che questi animali possono vivere decine di anni, perciò il tuo sarà un impegno a lungo termine.

Per prima cosa hai bisogno di un terrario, che si più grande possibile e che consenta di muoversi senza problemi. Sul fondo del terrario è necessario un buon substrato, con pezzi di dimensioni abbastanza grandi affinché la tartaruga non li mangi e che non siano tossici. Si può usare anche carta di giornale, ma andrà cambiata completamente molto più spesso del substrato, in modo che il terrario rimanga pulito e asciutto.

Tartaruga terrestre in un terrario in casa.

Se decidi di usare un letto naturale di sabbia, terra e foglie, tienilo sempre sotto controllo per mantenere una corretta igiene e per impedire alla tartaruga di mangiare qualcosa di questo materiale.

È molto importante tenere sotto controllo umidità, temperatura e illuminazione dell’ambiente. La posizione ideale per un terrario per tartarughe di terra è vicino a una finestra, con luce diretta e una buona ventilazione. Se questo non è possibile, dovrai procurarti lampade speciali per terrari e fonti artificiali di calore.

Le tartarughe, ad un certo punto dell’anno, hanno bisogno di andare in letargo, quindi è necessario creare un posto all’interno del terrario in cui l’animale possa nascondersi e trascorrere in tranquillità questo periodo dell’inverno. In questa fase non farà altro che dormire, non preoccuparti se non la vedrai muoversi o mangiare.

L’acqua è un elemento vitale nei terrari delle tartarughe: ci deve sempre essere un contenitore con acqua pulita e fresca. Se ne hai la possibilità, ogni tanto tira fuori la tartaruga dal terrario e falla muovere in libertà, con una piccola passeggiata utile per la sua salute. Naturalmente, se la tua tartaruga terrestre può vivere libera in giardino, sceglierà da sola i suoi posti preferiti per prendere il sole, fare le sue piacevoli passeggiate quotidiane e andare in letargo.

Alimentazione delle tartarughe di terra

Un’alimentazione adatta alle tartarughe di terra dovrebbe avere un alto contenuto di fibre con erbe, piante, fiori, verdure, tanti tipi di frutta (tranne gli agrumi) e, nel caso delle specie leggermente onnivore, anche un piccola parte di carne come lumache o lombrichi. Il sole è fondamentale per le tartarughe terrestri perché rappresenta il modo in cui fissano il calcio dell’alimentazione per mantenere il loro carapace sano e forte. Almeno 15 minuti al giorno sono una dose minima raccomandata di luce solare.

Tartarughe che mangiano insalata.

Anche con una dieta abbastanza varia, potrebbe essere necessario contribuire con una certa quantità di integratori vitaminici e di calcio. In questo caso fai molta attenzione alle quantità, un eccesso di vitamina D3 per contrastare la mancanza di luce solare, potrebbe sviluppare nella tartaruga di terra malattie come ipercalcemia, mineralizzazione dei tessuti o problemi renali.

Riproduzione delle tartarughe di terra

Se hai la fortuna di avere un maschio e una femmina di questi simpatici cheloni, potresti assistere all’accoppiamento durante la stagione degli amori. L’arrivo del calore, il livello di fertilità ed il momento della deposizione dipenderanno dalle ore di luce del giorno e dalla temperatura. Il rapporto dura circa una ventina di minuti e la gestazione otto e nove settimane.

Anche se tieni le tartarughe terrestri come degli animali domestici, non dimenticare che si tratta di animali selvatici: dovrai rendere l’ambiente in cui vivono quanto più simile possibile al loro habitat naturale, per farle vivere sane e felici per molti anni.