Downshifting, vivere meglio con meno


Downshifting, vivere meglio.

Al giorno d’oggi ci stressiamo eccessivamente per una grande quantità di responsabilità ed ambizioni personali. La competitività nel lavoro e la ricerca del successo professionale a tutti i costi sembrano essere diventati fondamentali per lo sviluppo delle persone. I problemi iniziano però quando in questa gara per raggiungere il successo materiale perdiamo di vista le cose davvero importanti: la nostra salute emotiva, spirituale e psicologica.

A causa di questa situazione, negli ultimi anni è cresciuto un movimento che ha acquisito sempre più forza: il Downshifting.

Cos’è il Downshifting?

Libro downshifting, lavora meno vivi meglio.Il downshifting mette in discussione il modo di vivere moderno, sempre più governato da ambizioni e desideri materiali. Il movimento nasce a metà degli anni ’80 negli USA, con l’obiettivo principale di far riappropriare le persone del proprio tempo, anche con la necessità di rinunciare a lussi e posizioni privilegiate. Questo nuovo modo di vedere la vita ha preso piede quando importanti dirigenti, che guadagnavano notevoli quantità di denaro, vedevano deteriorarsi la propria qualità della vita per l’eccessivo lavoro, il poco tempo che passavano in famiglia, le poche cose che riuscivano a condividere con i propri cari ed il poco che potevano dedicare agli interessi personali.

Con il tempo questa percezione si è diffusa a diversi livelli lavorativi, non solo dirigenziali, ma con molti impiegati che pur non avendo stipendi eccessivamente alti si sentivano intrappolati in una quotidianità e in uno stress che non riuscivano più a sopportare.

Come mettere in pratica il downshifting

Inizialmente non è facile cambiare stile di vita per praticare attivamente il downshifting, ma con pazienza e tempo si possono notare i cambiamenti positivi nelle nostre vite: maggior tempo libero da dedicare a quello che ci piace fare, più esperienze ed emozioni insieme alle persone che amiamo, meno preoccupazioni, etc.

Aspetta, non preoccuparti, non è necessario essere ricchi per poter mettere in pratica il downshifting. Anche se non hai uno stipendio alto, non devi sacrificare tanto per avere più tempo libero. Il downshifting si può praticare gradualmente, senza arrivare agli estremi ed ottenere comunque dei miglioramenti nella qualità della vita.

Alcuni suggerimenti per cambiare progressivamente stile di vita?

  • Usa l’auto il meno possibile, prova ad usare i mezzi pubblici o la bicicletta. Se conosci altre persone interessate a dedicarsi al downshifting, condividi un mezzo di trasporto con loro.
  • Smetti di fumare e perdi peso, se è necessario. Cerca di avere un tragitto casa-lavoro più breve per risparmiare tempo e cerca di pranzare a casa. Non puoi lavorare solo 4 giorni invece di 6?
  • Quando devi comprare qualcosa, non esitare a confrontare i prezzi ed acquistare solo quello che ti è davvero necessario. Per quanto possibile, rinuncia alle spese superflue.
  • La conoscenza può far risparmiare diversi soldi: se devi fare qualche lavoretto in casa, cerca di informati anche online e prova a farlo da solo invece di pagare qualcun altro, meglio se con l’aiuto della famiglia.
  • La tua vita ha bisogno delle 4 R fondamentali: ridurre, riutilizzare, riparare e riciclare.

Questi sono solo alcuni consigli che possono sembrare difficili da mettere in pratica, ma con pazienza e impegno ti aiuteranno a ridurre notevolmente lo stress ed apprezzare di più la vita.

Lasciare il lavoro e cambiare vita, libro.Diventare un downshifter significa cambiare atteggiamento mentale. Darsi nuove priorità implica un cambiamento nella scala di valori, in cui il successo o il consumismo devono passare in secondo piano. Vivere con meno significa vivere con più, essere più felici e più vicini all’essenziale della vita. È importante dedicare tempo a prendersi cura della propria salute, dell’alimentazione, del riposo fisico e mentale. Le relazioni sociali con la famiglia e gli amici sono fondamentali per avere un grande benessere emotivo.

Preferisci avere o essere? Forse dovresti ridurre le esigenze superficiali e concentrarti su ciò che fa stare bene. Si tratta di un processo lento e graduale che richiede forte consapevolezza, spesso significa andare contro corrente e non è facile ottenere la vita che vorremmo senza interferenze esterne.

Tieni presente che il ritmo di vita moderno comporta anche un danno per l’ambiente e questa è una delle ragioni principali per decidere di cambiare, il pianeta non è in grado di continuare a soddisfare una continua richiesta di risorse. Prima o poi un cambiamento sarà l’unica scelta possibile.